Back issuesUncategorized

Volume 4, Issue 2, December 2000

Volume 4, Issue 2 – December 2000

04-2

Full Text | PDF (6,3 MB)

Gerald R. Allen: Description of a New Wrasse (Pisces: Labridae: Cirrhilabrus) from Northern Sumatra, Indonesia, pp. 45-50

Sommario

Viene descritta la nuova specie di Cirrhilabrus joanallenae sulla base di tre esemplari, di 41.2-46.2 mm. SL, catturati sull’isola di Weh, a nord di Sumatra. Si rileva una stretta affinità con i C. rubriventalis del Mar Rosso nell’Oceano Indiano occidentale, poiché entrambe le specie mostrano una “bandierina” elevata all’inizio della pinna dorsale, grandi pinne pelviche a forma di bastoni, e una sola fila di scaglie sulla guancia. Comunque, la nuova specie differisce per i colori vitali dei maschi e delle femmine, per la minor quantità di scaglie sulla guancie, per una dentellatura meno cospicua sul margine preopercolare, e perché ha 15-16 raggi pettorali invece di 14.

Abstract | Full Text | PDF (892 KB)

4-2_cirrhilabrus

 

 

Cirrhilabrus joanallenae, underwater photograph of male, approximately 45 mm SL, in 16 m depth, Weh Island, Indonesia. Photo by G. R. Allen

 

 

John E. Randall and Joachim Frische: Hybrid Surgeonfishes of the Acanthurus achilles Complex, pp. 51-56

Sommario

Tra le quattro specie di pesci chirurgo che comprendono il complesso di Acanthurus achilles sono noti tre ibridi: A. achillexA. nigricans (documentato da Randall, 1956°); A. leucosternon A. nigricans (in precedenza reso noto da un fotografo acquariofilo nel 1982, qui se ne parla sulla base di un esemplare trovato in Indonesia); e A. japonicus A. nigricans(basandosi su una fotografia subacquea scattata a Lanyu, Taiwan).

Abstract | Full Text | PDF (572 KB)

4-2_Acanthurus

 

 

 

Acanthurus nigricans, Kwajalein Atoll, Marshall Islands. Photo by J. e. Randall

 

 

 

Richard Winterbottom: Four new species of Trimma (Gobiidae), from the Indian and Western Pacific Oceans, pp. 57-66

Sommario

Vengono descritte quattro specie del genere Trimma: il Trimma anaina è una piccola specie trovata sia nell’oOceano Indiano che nel Pacifico occidentale. Il T. anaima non presenta scaglie nella linea mediale predorsale, nessun affossamento interobitale o postorbitale, cinque pinne radiali pelviche senza ramificazioni, e quattro piccole selle scure sopra alla linea mediale dorsale. Il T. bisella, ad oggi trovato solo alle Mauritius, non presenta scaglie nella linea mediale predorsale, ha un affossamento interorbitale, cinque pinne radiali pelviche prive di ramificazioni, e due selle bianche su peduncolo caudale. Il T. halonevum presenta scaglie predorsali, un affossamento interorbitale moderatamente profondo e cinque pinne radiali pelviche con una singola ramificazione dicotomica. È color salmone con macchie gialle e marrone-rossastro sul corpo e sulla testa. Il T. halonevum ha una vasta diffusione nel Pacifico occidentale ed è stato trovato nell’Oceano Indiano sull’Isola di Natale e alle Maldive. Il T. omanensis presenta una banda a forma di mezzaluna sulla parte posterore dlla base pettorale, linea mediale predorsale e testa nude, affossamenti ben sviluppati sia interorbitali che postorbitali, cinque pinne radiali pelviche con ramificazioni doppie e ad oggi è stato trovato solo nel golfo di Oman.

Abstract | Full Text | PDF (1,6 MB)

4-2_Trimma

 

 

 

Trimma anaima n. sp., Indonesia, specimen not collected. Photo by Glenn Barrall

 

 

J. B. Heiser, R. L. Moura, and D. R. Roberson: Two new species of Creole Wrasse (Labridae: Clepticus) from opposite sides of the Atlantic, pp. 67-76

Sommario

Vengono descritte due nuove specie di labridi, provenienti una dalla costa est e l’altra dalla costa ovest dell’Atlantico equatoriale. Il Clepticus africanus, n. sp.,  viene descitto sulla base di quattordici esemplari raccolti sull’isola di São Tomé nel golfo di Guinea al largo della costa africana equatoriale. Il Clepticus brasiliensis, n. sp., viene descritto sulla base di diciannove esemplari (oltre ad altro materiale) raccolti sulla costa e nelle isole al largo del Brasile a sud dell’Amazzonia. Nessuna nuova specie (statisticamente) risulta significativamente diversa per le caratterstiche morfometriche o meristche di quello che risultava l’unico membro fino ad ora del genere, il Clepticus parrae dell’area occidentale del tropicale Atlantico del Nord. Entrambe le nuove specie si distinguono dal C. parrae per la loro differente colorazione e perché da adulti presentano pinne radiali molto sviluppate (due terzi della lunghezza standard) dalla cima dei lobi superiori e inferiori della pinna caudale biforcuta: il labro creolo africano per lo più nero con un filamento su ciascun lobo della caudale, il labro creolo brasiliano per lo più di color violaceo o malva con due o più di questi filamenti. Queste due nuove specie rappresentano una coppia di pesci di tassonomia simile originari di due coste dell’Atlantico.

Abstract | Full Text | PDF (1,4 MB)

4-2_Clepticus

 

 

Clepticus africanus, holotype 205.1 mm SL, north coast of São Tomé Island, Gulf of Guinea, Africa

 

 

 

Gavin D. Alexander and Colin E. Adams: The phenotypic diversity of Arctic charr, Salvelinus alpinus, (Salmonidae) in Scotland and Ireland, pp. 77-88

Sommario

L’alta variabilità del fenotipo del Salvelinus alpinus e la natura del polimorfismo delle specie viene riassunto brevemente. Vengono presentate fotografie delle popolazioni scozzesi e irlandesi per illustrare la diversità di fenotipo delle specie in questi due paesi.

Abstract | Full Text | PDF (1,8 MB)

4-2_Salvelinus

 

Loch Builg, Cairngorms, late July

 

Previous post

The Biodiversity of the genus Leuciscus in Central Asia (Cyprinidae)

Next post

Description of a New Wrasse (Pisces: Labridae: Cirrhilabrus) from Northern Sumatra, Indonesia

The Author

Rossella

Rossella

No Comment

Leave a reply